Navigare Facile

Il Dissipatore

La Ventilazione Elettronica

Anche in elettronica la ventilazione viene usata, la riconosciamo sotto il nome di dissipatore, si tratta di un elemento metallico di buona conducibilità termica e dotato di alettature, usato nei circuiti elettronici per ottenere una buona dissipazione termica per convenzione naturale o forzata.

I dissipatori vengono solitamente impiegati per favorire la dissipazione del calore da parte dei processori e dei transistori di potenza o dei carichi antinduttivi impiegati per la misura della potenza di uscita degli apparati generatori o amplificatori.

La superficie dei dissipatori deve essere dimensionata in base alle condizioni di lavoro e ai sistemi di raffreddamento, in modo da presentare una resistenza termica tale da permettere che l'elemento cui esso è applicato non superi una certa temperatura, compatibile con il suo corretto funzionamento.

Inoltre ci sono tre tipi di dissipatori: il dissipatore attivo, quello passivo e quello ad acqua, il primo quello più economico è alettato in alluminio o in rame e viene attraversato da un flusso di aria generata dalla ventola che porta via il calore prodotto.

Il dissipatore passivo è formato da lamelle unite tra loro fatte di rame o alluminio e sostenute da una struttura portante anch'essa in rame, è bene che il dissipatore venga collocato in modo tale che l'aria passi lungo la sua superficie, quindi le alette dovranno essere collocate verticalmente e mai orrizzontalmente.

In ultimo i dissipatori ad acqua che risultano essere veri e propri impianti di raffreddamento: l'acqua viene fatta circolare all'interno dell'impianto da una pompa.

A questo punto l'acqua passa attraverso un dispositivo e assorbe il calore della componente e successivamente attraversa un radiatore che viene percorso da aria azionata da ventole fino a disperdere nell'ambiente il calore che ha trattenuto, questo sistema è talvolta considerato il più efficace ma anche il più costoso e richiede molta manutenzione.

Dove